peacock studio


Leave a comment

Interview with C13

http://rosettasavelli.tumblr.com/
Si sono concluse con successo e soddisfazione le due mostre: la prima Wanderlust – 風来坊organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura di Osaka che si è svolta dal 7 al 14 agosto presso Nakanoshima Festival Tower 17F Osaka JP e la seconda mostra 命 Mei che si è svolta presso l’Atelier Shogoro a Noda.

La stessa mostra era stata proposta alla Giudecca in Venezia, nel mese di aprile 2015 presso lo spazio Bocciofila.

Gli artisti italiani che hanno partecipato a Wanderlust erano:

Collettivo C13,Matteo Bagolin, Carola Castagna, Stefano Giglio, Elena Lombardi, mentre gli artisti giapponesi presenti erano:

Hidemi Terada, Masako Sato, Masanori Takamori, Saori Yabe, Yoshiharu Miyahara, Rie Miyatake, Tae Ikeda.

E’ stato un evento di rilevante importanza, in quanto era la prima volta che dei ceramisti italiani esponevano in un laboratorio atelier giapponese, quale l’Atelier Shogoro, dove vengono  custoditi i segreti dell’arte giapponese che in questa occasione hanno aperto le porte all’arte italiana, con grande accoglienza e disponibilità.

WANDERLUST – 風来坊 è riuscita così ad esprimere una filosofia ed un concetto in armonia e in sintonia con il pensiero del Paese del Sol Levante.

A tale proposito l’artista Stefano Giglio mi rilascia alcune riflessioni a conclusione dell’evento.

R. Savelli: Grazie Stefano per la tua disponibilità a raccontarmi la tua esperienza artistica e così ti chiedo come è andata Wanderlust in Osaka?”

S. Giglio: L’Impatto con il maestro Shogoro in Giappone e la sua filosofia artistica è stata stravolgente…

L’arte è Capacità di osservazione,

Capacità di immaginazione,

Capacità di considerazione ,

Esperienza, Realtà.

Il Buon senso, il Talento, il Senso di bellezza, la sensibilità non è arte è design.

R. Savelli: Quali sono stati gli incontri rilevanti vissuti all’interno dell’ Esposizione 命 MEI ?”

S. Giglio: “L’Incontro con il poeta”

il poeta Toshihiko abita a Mistue in una casa tipica giapponese in mezzo a cedri e cipressi. insieme abbiamo fatto 植樹 (shyokujyu) con un albero di sakura, tra 5 anni fiorirà, in primavera e forse in quel periodo avremmo acquisito le tecniche giapponesi usando sempre un cuore italiano.

R. Savelli: “La Mostra Wanderlust è stata annunciata e promossa anche in una radio giapponese, Radio Sahura, vuoi parlarmi di questa esperienza?”

S. Giglio: Siamo stati ospiti a RadioSakuraFM78.7MHz

Il dialogo che è durato circa un ora ed il tempo è passato calmo e tranquillo

Alla domanda che differenza c’è tra un artista italiano e giapponese …La nostra risposta è stata: ” Il primo ci mette la passione il secondo la tecnica”. Alla fine abbiamo fatto anche una mini lezione d italiano.

R. Savelli: E al Nakanoshima Festival Tower 17F come è andata?”

S. Giglio:Riguardo a Wanderlust 風来坊

Quella di Osaka è stata una Mostra Istituzionale che si è svolta diciasettesimo piano presso IIC di Osaka in mezzo ai grattaceli.

Abbiamo avuto l’onore della visita della direttrice del museo di arti tradizionali di Kyoto. Una donna autorevole ma al tempo stesso impenetrabile, ma noi siamo riusciti, descrivendo le tecniche italiane usate per le opere esposte, a strapparle un sorriso di curiosità .

R. Savelli: ” E presso l’Atelier Shogoro come è andata?”

S. Giglio: Riguardo a 〜 Mei 命

E’ stata una mostra dirompente, con un continuo via vai di amici, di italian-japan party.

Per tutto il tempo Atelier Shogoro si è trasformato in un punto di ritrovo, un luogo dove passare il tempo parlando delle opere esposte, conoscendo la vita di nuovi amici , Sì poteva sentire la tranquillità e la felicità di una mostra affollata.

Al maccha tiramisù party abbiamo avuto la visita di Zensyou Otsuka (jazzista classe 1934 ) è un uomo che solo a guardarlo impari che bisogna vivere la propria passione sempre fino in fondo.”

Contatti

Istituto italiano di Cultura -Osaka

Nakanoshima Festival Tower 17F

Nakanoshima 2-3-18, Kita-ku, Osaka

Tel: 06-6229-0066

Rosetta Savelli

20 agosto 2015


Leave a comment

Julietartmagazine  – wanderlust 風来坊

http://julietartmagazine.com/events/wanderlust-風来坊/
Il collettivo C13 (Matteo Bagolin, Carola Castagna, Adrea Da Tos, Stefano Giglio, Elena Lombardi) un gruppo di ceramisti Veneti conosciuti a Venezia per aver fatto diverse mostre con artisti internazionali, nei prossimi giorni partiranno per il Giappone dove Istituto Italiano di Cultura di Osaka ha organizzato una mostra – WANDERLUST – 風来坊 – già proposta in Città alla Giudecca nel mese di aprile presso lo spazio Bocciofila con il patrocinio del Consolato Giapponese in Milano e Fondazione Italia Giappone.

Gli artisti saranno ospiti a Radio Sakura FM dove saranno intervistati dalla presentatrice e giornalista Kazuko Nakajima . Evidenzieranno l’importanza della manualità e la condivisione di percorsi creativi con artisti provenienti da diversi paesi.

gli artisti che esporranno saranno:

Collettivo C13 – Matteo Bagolin, Carola Castagna, Stefano Giglio, Elena Lombardi

Artisti giapponesi – Hidemi Terada, Masako Sato, Masanori Takamori, Saori Yabe, Yoshiharu Miyahara, Rie Miyatake, Tae Ikeda

WANDERLUST – 風来坊Le linee di confine sono sequenze di curve o lunghe linee rette, demarcazioni che gli Stati danno a loro stessi per opera di trattative, di appartenenze in continuo divenire; Presuppongono qualcosa che sta da una parte e dall’altra, prevedono un interno e un esterno, ipotizzano l’appartenenza o meno ad un certo gruppo. I limiti non delineano solo ciò che si vuole includere, ma anche cosa si vorrebbe escludere; Si tratta dunque della riproduzione grafica di un’operazione mentale. I confini rimandano inevitabilmente all’azione di attraversamento: esercitato col commercio, coi viaggi, colle migrazioni o con le guerre.

WANDERLUST, parola di origine tedesca, esprime il desiderio di muoversi, viaggiare, esplorare il mondo, conoscere culture sconosciute, fare nuove esperienze.

Scopo e pretesto dell’esposizione di ceramica è proprio quello di valicare confini, gettare ponti, superare distanze e creare legami umani.

Le opere esposte saranno contornate da opere calligrafiche degli artisti Beatrice Testini e Norio Nagayama .
Date/Time

Date(s) – 07/08/2015 – 14/08/2015

Location

Istituto Italiano di Cultura Osaka

  


Leave a comment

WANDERLUST DALL’ITALIA AL GIAPPONE – gli scritti di Rosetta Savelli

WANDERLUST DALL’ITALIA AL GIAPPONE DAL 7 AL 14 AGOSTO 2015

Articolo di Rosetta Savelli

WANDERLUST è una parola di origine tedesca che esprime il desiderio di muoversi, di viaggiare,  di esplorare il mondo, di conoscere culture sconosciute e di fare nuove esperienze.

Ora Wanderlust -風来坊 sarà in Giappone, nel mese di agosto 2015

L’Esposizione  Wanderlust – 風来坊 organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura di Osaka è la stessa mostra che e’ stata proposta alla Giudecca in Venezia, nel mese di aprile 2015 presso lo spazio Bocciofila.

La mostra è stata patrocinata dalla Fondazione Italia Giappone e dal Consolato Giapponese in Milano.

In Giappone saranno due le mostre organizzate e conseguenti alla prima, realizzata in Italia che ha riscosso un notevole successo di critica e di pubblico.

Le due mostre, organizzate nel Paese del Sol Levante sono patrocinate una dall’Istituto Italiano di Cultura di Osaka e l’altra presso l’Atelier Shogoro a Noda.

Va sottolineato che la mostra presso l’Atelier di Shogoro e’ molto significativa in quanto è di fatto la prima volta che dei ceramisti italiani espongono in un laboratorio atelier giapponese dove vengono condivisi i segreti dell’arte giapponese.

La scuola di ceramica (Gorogama) gode di grande fama e prestigio internazionale.

L’Atelier Shogoro è strutturato in due piani, il primo piano è riservato allo studio. mentre il secondo piano è riservato alle mostre e qui si può trovare anche uno spazio dedicato alla cucina e all’ospitalità, al fine di rendere più completo e gradevole lo scorrere lento del tempo.

WANDERLUST – 風来坊 esprime una filosofia ed un concetto in armonia e in sintonia con il pensiero del Paese del Sol Levante. Le linee di confine sono sequenze di curve o lunghe linee rette, demarcazioni che gli Stati danno a loro stessi per opera di trattative, di appartenenze in continuo divenire. Le stesse linee presuppongono qualcosa che sta da una parte e dall’altra, prevedono un interno e un esterno, ipotizzano l’appartenenza o meno ad un certo gruppo. I limiti non delineano solo ciò che si vuole includere, ma anche cosa si vorrebbe escludere.

Si tratta dunque della riproduzione grafica di un’operazione mentale, dove i confini rimandano inevitabilmente all’azione di attraversamento: esercitato col commercio, coi viaggi, colle migrazioni oppure anche con le guerre.

Gli artisti saranno ospiti a Radio Sakura FM  dove saranno intervistati dalla presentatrice e giornalista Kazuko Nakajima . Durante l’intervista gli artisti evidenzieranno l’importanza della manualità e la condivisione di percorsi creativi con artisti provenienti da diversi paesi.

Luogo: Nakanoshima Festival Tower  17F  Osaka JP

Dal 7 al 14 Agosto 2015  – Vernissage イタリア Style  7 Agosto  ore 6 pm

Gli artisti italiani che esporranno saranno:

Collettivo C13      -Matteo Bagolin, Carola Castagna, Stefano Giglio, Elena Lombardi.

Gli artisti giapponesi che esporranno saranno:   Hidemi Terada, Masako Sato, Masanori Takamori, Saori Yabe, Yoshiharu Miyahara, Rie  Miyatake, Tae Ikeda.

Info:

Istituto Italiano di Cultura di Osaka http://www.iicosaka.esteri.it/IIC_

Atelier di Shogoro http://shogoro.firenzeitalia.org/?page_id=112

Words by Rosetta Savelli    http://rosettasavelli.tumblr.com/

29 luglio 2015