peacock studio

4live.it – Italian newspaper

Leave a comment

http://www.4live.it/2016/11/ragnarqk-mostra-ceramica-italo-giapponese/

‘Ragnarqk’ mostra di ceramica italo giapponese

Il CollettivoC13 e i loro amici artisti giapponesi seguiti dal Maestro Shogoro, dopo avere esposto a Bologna al Museo e Biblioteca internazionale della musica ed a Kyoto al Museo Task, ritornano ad esporre al FORTino, uno spazio espositivo in un forte ottocentesco nella terraferma Veneziana. Immerso in un Bosco planiziale, con una nuova mostra, seguendo un percorso filosofico che li accompagna da diversi anni alla scoperta di un nuovo modo di fare ceramica superando quel concetto che ormai si è radicato col passare dei secoli, dove la creta deve per forza avere un’utilità.
Questa non è una mostra che può essere descritta o raccontata con le parole.
Il bosco planiziale fa riferimento ad una tipologia di ambiente presente anticamente nella pianura Padana e che oggi sopravvive in limitate aree scampate al disboscamento e alla conversione agricola effettuata nei secoli XI-XX.
Il paesaggio della pianura Padana è la conseguenza di una millenaria storia di antropizzazione che ha radicalmente cambiato i caratteri naturali di questo territorio.
Il suolo e il clima di quest’area sarebbero l’habitat di specie arboree quali quercia, ontano, salice, olmo, acero, frassino, pioppo bianco e pioppo nero. Fino all’avvento dei romani gli interventi di disboscamento furono limitati e vaste porzioni di territorio erano coperte da foreste come la Silva Lupanica.
Ragnarǫk ラグナロクè dunque una mostra che attraverso le opere di ceramica create dagli artisti, vuole trasmettere uno spunto di riflessione su quanto l’uomo sia in grado di fare, di giusto e di sbagliato e su quanto possa interferire positivamente o negativamente sul corso della propria vita, fino ad influenzare la vita degli altri.
E’ un memento quello suggerito dagli artisti, attraverso il significato di “Ragnarǫk”, una parola che ha viaggiato nel tempo, che trova origine nella mitologia Islandese per poi essere riscoperta da Richard Wagner. Una mitologia giunta fino in Oriente, forse anche tramite la religione Hindu (narrata nel libro di Mahabharata), ora entrata nella cultura giapponese come ラグナロク.
Il monito non è da interpretare come la fine, il tramonto, l’epilogo ma è come un’esortazione per proporsi positivamente verso gli altri.
Il giorno 27 Novembre ore 15 ci sarà lo “shokuju party”. Gli artisti giapponesi pianteranno un albero autoctono per consolidare il rapporto di amicizia e di collaborazione e per festeggiare il nuovo clay lab del CollettivoC13 dando il via al nuovo spazio espositivo dove verranno ospitati gratuitamente artisti che aderiscono alla loro filosofia di far arte.
L’esporre vuole essere un momento di incontro e di condivisione, in un ottica in cui l’arte non è un vanto fine a se stesso ma un motivo per avvicinare e creare rapporti umani.

Ragnarǫk ラグナロク dal 20 novembre al 4 dicembre Forte Cerpenedo – Via Vallon 101 – Mestre Venezia.

Vernissage 20 novembre, alle ore 16,00.
Shokuju party 27 novembre, alle ore 15,00.

Mostra Patrociata da: Fondazione Italia Giappone – Consolato del Giappone a Milano.

Rosetta Savelli

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s