peacock studio

暮蕓春樹 Boun Syunju

 

Libreria Bocca  – Galleria Vittorio Emanuele II – Milan

2 May 2017

 

暮蕓春樹 Boun Syunju – Materials & Technique: Galestro, Bucchero, Industrial paints.

(Collezione  Bocca)

 

http://www.libreriabocca.com/mostre/boun-syunju.html

 

暮蕓春樹

遠くの君へ ~元気でいますか?

 

E’ semplicemente un incontro riassunto da un titolo 暮蕓春樹Boun Syunju.

Con un significato interiore profondo che viene da un tempo lontano

暮蕓 Boun = le nuvole seriali che corrono;

春 haruki = la primavera;

樹 ju = alberi che fioriscono;

In questi kangi si puó leggere il dialogo tra il maestro Shogoro e l’artista e amico Stefano Giglio, un dialogo creativo e filosofico che spazia tra Venezia, Firenze ed Osaka.

Quando vedo il tramonto la nuvola rosa passare.

Quando vedo gli alberi che germogliano in primavera.

Penso a te che stai sotto lo stesso cielo.

 Penso che Tu stia bene sentendo  la stessa aria della nuova stagione.

杜甫( Toho)

 

L’artista crea le sue opere usando  una  tecnica tutta italiana il Bucchero con una  filosofia tutta giapponese …….. “È sempre tutto nero, ma quel nero che ha sempre mille sfumature. Mentre lavoro l’argilla immagino già i riflessi, penso, memorizzo il tipo di legno da utilizzare, la sua forma, la quantità di foglie per creare la giusta umidità, fino alla posizione dell’opera all’interno del forno.  Pian piano con il tempo, con il dialogo, sono riuscito a creare un contatto così profondo con madre natura da sentire tutta la sua delicatezza”.

 

 

 

 

BOUN SYUNJU

Tutto è iniziato da un incontro casuale con alcuni artisti giapponesi seguiti dal maestro Shogoro, da allora il percorso filosofico non si e’ più arrestato, una continua ricerca dei punti in comune tra la cultura occidentale e quella orientale.

In tutto questo tempo si è instaurato un legame profondo non solo creativo o di amicizia, ma un legame dei luoghi, quel contatto dimenticato tra uomo, natura, arte, stagioni, quella libertà che gli artisti riescono a trovare al Bosco di Mitsue dietro la casa del poeta Toshihiko in Giappone e quello di Venezia al FORTino.

In tutto questo tempo l’arte è diventata un momento d’incontro e di condivisione, in un ottica in cui l’esporre non è un vanto fine a se stesso ma un motivo per avvicinare e creare rapporti umani.

 

  

(Photo by Alberto Moro) 

 

 

 

 

Technical sponsor:  MHway   (Mix match limited edition)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Advertisements